Home » CreepyPasta » Scritte da voi

Categoria: Scritte da voi

Fermata d’autobus

 
  1. FERMATA D’AUTOBUS

    Napoli, 1958
    Gino e Rosario, appena usciti dal cinema, s’incamminarono lungo via Salvator Rosa.
    La salita era ripida, c’erano circa quattro chilometri da fare e speravano di prendere l’autobus notturno. Era già mezzanotte, quindi le corse dovevano essere cominciate da una mezz’ora.
    Cercarono con gli occhi la fermata e videro, un centinaio di metri sopra di loro, una decina di persone che aspettavano sul marciapiede. Si incamminarono in quella direzione.
    Era una notte d’autunno, molto umida, e cominciava a calare una coltre di nebbia. Rosario e Gino affrettarono il passo, pensando che l’autobus fosse in arrivo.
    Non si erano sbagliati. Dopo qualche istante sentirono il suono inconfondibile di un motore e si voltarono. L’autobus era appena comparso dalla curva sotto di loro.
    Dovevano percorrere ancora poche decine di metri. Guardarono di nuovo la fermata e rimasero stupiti. Tutte le persone in attesa, che erano lì un istante prima, erano scomparse.
    Rosario e Gino non ebbero il tempo di pensare a cosa fosse successo, perché l’autobus era ormai in arrivo. Salirono sul mezzo. Sopra, oltre all’autista, c’erano altri due uomini: uno anziano e uno giovane.
    Rosario disse:- Ma le avete viste anche voi le persone che stavano alla fermata? Avete visto dove sono andate?
    Il passeggero giovane, che era seduto davanti, di lato all’autista, disse: – No, alla fermata non c’era nessuno.
    Gino disse:- Ma non è possibile! Li abbiamo visti benissimo mentre salivamo per il marciapiede. Erano almeno una decina.
    Inaspettatamente, intervenne l’autista:- Io non ho visto nessuno. Ma, devo dire la verità, l’anno scorso, sempre nel turno di notte, facendo questo tratto, vidi una decina di persone alla fermata. Mi sembrò strano, perché di notte è difficile trovare tanta gente tutta insieme. Comunque, quando fermai e aprii le porte, non c’era più nessuno, erano scomparsi. La stessa cosa è successa anche a due miei colleghi, sempre in questo punto.
    Ci fu un attimo di silenzio. Poi il vecchio disse:- Ma avete riconosciuto il posto?
    Gli altri risposero :- No.
    Il vecchio riprese: – Quella è la fermata dell’incidente, ricordate? L’11 Novembre 1953, il mezzo che stava scendendo da via Santacroce sbandò e travolse la gente che stava aspettando alla fermata dal lato opposto. Ci furono dieci morti.
    Gino disse :- Ma che giorno è oggi?
    Il passeggero giovane rispose :- Il 10 Novembre.
    Ma Rosario aggiunse :- No. La mezzanotte era già passata quando siamo usciti dal cinema. Oggi è l’11 Novembre.

L’annuncio

Stavo tornando a casa da mia madre da lavoro. Vidi che c'erano delle lettere nella cassetta della posta. Oltre a trovare le solite bollette della luce, gas ecc., trovai un annuncio di una casa al lago. Guardai le foto sia dell'interno sia del territorio circostante: vi era una sola camera da letto molto spaziosa, un bagno con al suo interno una vasca davvero confortevole. La cucina, la sala da pranzo e un divano vecchio stile albergavano in una sola stanza...

Continua a leggere...

Una settimana all’inferno

Che fastidio infinito, gente che viene, gente che va. In questo modo finirà che schiatto prima di poter terminare questo maledetto manoscritto. E’ difficile concentrarsi a scrivere di giorno, durante le ore di visite, qui all’ospedale, dove mi trovo disteso su un letto fatiscente. Mi tocca sorbirmi tutte le lagne della folla che viene a trovarmi e ad annuire e fare sì con la testa senza nemmeno badare a ciò che dicono.

Continua a leggere...

Lo strano caso di Madeline Taylor

In una notte tempestosa di un venerdì 17, Madeline Taylor sta per diventare ragazza madre nella sala parto dell’ospedale Cayman Island hospital. In realtà, è una delle ultime piogge della stagione in quanto l’inverno è ormai alle porte per lasciar spazio alla primavera e alle belle serate festose, una di quelle serate allegre, dove Madeline tra un bicchiere e l’altro lascia che un perfetto individuo, nella sala da ballo della disco più “in” dell’isola..

Continua a leggere...